Progetto cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale

POR MARCHE FESR 2014-2020

“Sostegno allo sviluppo ed al consolidamento di start up ad
alta intensità di applicazione di conoscenza”

 

Il progetto Talking Hands prevede lo sviluppo del prototipo industriale di una innovativa H.M.I. (Human to Machine Interface)
indossabile, in grado di interpretare la gestualità espressa attraverso gli arti superiori. Talking Hands è in grado di interpretare la gestualità associata alla LIS e, grazie ad un sintetizzatore vocale incluso in un’app per Smartphone, riprodurre in audio la traduzione in italiano delle frasi espresse in LIS dalla persona sordomuta.

L’obiettivo principale del progetto Talking Hands è quello di mettere in commercio un’interfaccia uomo-macchina con
caratteristiche estremamente innovative dal punto di vista della funzionalità e dell’indossabilità, concretizzando l’idea
originale in un progetto di business competitivo e di lungo termine.

Talking Hands sarà infatti un’interfaccia di Gesture Recognition appetibile dal punto di vista funzionale per l’estrema semplicità di uso ed installazione, basterà indossare i guanti e lanciare l’app sullo Smartphone per iniziare ad usarla.

Il fabbisogno principale, che ha anche ispirato lidea di Talking Hands, è quello di abbattere le barriere di comunicazione delle persone affette da sordità, permettendo la traduzione istantanea in voce delle frasi comunicate attraverso la LIS.

Al termine del progetto si prevede la realizzazione di un prototipo industriale del sistema le cui caratteristiche principali
saranno:

- completa indossabilità e portabilità;
- compatibilità con i principali sistemi operativi per Smartphone (Android, Windows Phone, IOS);
- design leggero, funzionale ed eco friendly;
- possibilità di personalizzazione del sistema.

I sensori presenti sul guanto rileveranno grandezze biologiche, cinematiche e meccaniche legate alla gestualità espressa attraverso la LIS. Costo del progetto pari a: € 150.170,00. Contributo dell’Unione pari a € 100.000,00.

Sharing is caring
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •